Vigilia di natale, 10.07 p.m, interno


A casa mia non s'è mai festeggiata la vigilia di Natale,

forse è una cosa del nord,

forse è che il Natale sa di luce e quindi non può che essere un pranzo,

luminoso e mattiniero, e la sera prima, bè...

la sera prima s'aspetta.


negli anni ho conosciuto tante vigilie diverse, per ognuna

c'era un perchè, come, quando, e una scintilla,

ci sono quelle che mi porterò sempre nel cuore,

amici, famiglia, pensieri leggeri...

Quest'anno ricordo la mia,

mia di quando avevo l'età per dimenticare

che poi è strano, andando avanti è l'unica età che vogliamo ricordare.


La vigilia era una serata strana,

la preferita sicuramente,

ed è per questo che si doveva contenere,

per questo doveva esser cauta perchè altrimenti,

se si fosse consumata,

se avesse anticipato troppo le gioie del natale,

con le sue leccornie, le sue sbronze e i suoi regali,

avrebbe perso quella magia che sapeva di speranza,

sempre,

poi alla fine un po' delusa.

Un sabato del villaggio che anche oggi rimane, così, nell'aria,

ci penso ora,

davanti alla città buia,

che sorride ogni tanto su qualche balcone alla

luce d'un lampione, nelle strade deserte e umide di pioggia,

penso che Roma sta aspettando,


voglio ancora pensare che qualcuno stia sospirando,

che vada a letto presto nell'attesa

di qualcosa che rischiari il mondo,

penso che ora, in questo preciso istante,

prima della mezzanotte, in questo silenzio che

sa del respiro profondo prima del balzo,

qui

chiunque può avere ancora l'età che vuole.

Qui, in queste ore,

nella vigilia di tutte le cose,

vivono ancora le speranze, quelle che parevano dimenticate,

qui il buonismo se ne va lontano

rimane solo il Buono,

qui, nulla si è ancora disilluso, tutto rimane sospeso,

ed è in questa sospensione,

prima che tutto sfugga e si dissolva, prima che ogni cosa

si assopisca, e ogni speranza si raffreddi, di fronte alla

domenica di quel villaggio,

penso ad un sorriso,

a quanto può essere buono un uomo

ad un pianto, una corsa,

e una stretta lunga quanto

una notte di carezze.

che ogni speranza sopravviva

(almeno fino alla mezzanotte)


Buona vigilia di Natale.

A tutti.


46 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti